Skip to content

Lettera di presentazione: dai il giusto supporto al tuo curriculum

Lettera di presentazione efficace: ecco come scriverla

Cosa si può fare per dare al proprio resume la giusta chance di sopravvivere al primo scrutinio dei selezionatori? Scrivere una lettera di presentazione che catturi l’attenzione dei recruiter e che ci valorizzi come il match ideale per l’azienda. Dopo aver trascorso intense giornate di ricerca e di lavoro nello stilare il perfetto curriculum, non si vorrà di certo rischiare di vederlo cestinato insieme a una grande pila di candidature che non hanno avuto successo.

Di conseguenza, attenzione a non sottovalutare l’importanza che riveste la lettera che accompagna il nostro cv.

Lettera di accompagnamento: che cos’è

La lettera di accompagnamento o presentazione è una lettera motivazionale. E' lo strumento per la comunicazione discorsiva con l'impresa e perciò deve

La lettera di presentazione che viene allegata insieme al cv è un valido strumento che può aiutarci a ottenere un colloquio di lavoro presso l’azienda che speriamo di impressionare. Nonostante arrivi come un documento separato, questa lettera è una naturale continuazione del curriculum, la quale permette di introdurre ulteriori aspetti della nostra carriera professionale che per vari motivi non si sono potuti inserire nel cv. 

Inoltre, proprio come dice la parola stessa, essa ci permette di presentarci come candidati, dando la possibilità all’employer di potersi fare una prima idea sul tipo di persona che siamo.

Perchè è importante averne una

L’importanza di dedicare del tempo alla stesura della lettera di motivazione è cruciale. Tramite questo mezzo si ha la possibilità di potersi ricavare uno spazio mirato esclusivamente a comunicare con l’azienda, e ciò deve essere svolto nel modo più efficace possibile. Infatti, qui possiamo spiegare chiaramente le motivazioni che ci hanno indotto a fare la domanda di lavoro e possiamo indicare il perché siamo i perfetti aspiranti per la posizione.

Come utilizzarla

Nella stragrande maggioranza dei casi, quando ci si vuole candidare per una posizione si invia una mail all’indirizzo di posta che viene specificato nell’annuncio. In altre circostanze è possibile caricare i documenti direttamente sul sito che si sta utilizzando, seguendo dei passaggi pre impostati. In verità, noi non sapremo mai se verrà letta prima la lettera di accompagnamento o il cv. È per tale motivo che entrambi devono essere impeccabili.

In poche righe dobbiamo apparire interessanti, non banali e adatti al ruolo che vogliamo ricoprire. Insomma, chiunque ci leggerà dovrà essere così incuriosito da procedere alla valutazione delle informazioni fornite, e dovrà convincersi della genuinità della nostra candidatura.

I migliori consigli da seguire prima di iniziare a scrivere

esempio lettera di presentazione autocandidatura

La lettera di motivazionale è un documento lineare, breve e conciso, ma non per questo semplice da creare. Infatti, molto più frequentemente di quanto si possa credere, vengono commessi degli errori. Queste imprecisioni sono facilmente evitabili e potrebbero rischiare di oscurare il cv, compromettendo la chiamata per il colloquio di lavoro tanto desiderato. Andiamo a valutare insieme i migliori trucchi da mettere in pratica per assicurarci l’attenzione del selezionatore:

Personalizzare la candidatura

La persona che aprirà la nostra email e si troverà di fronte il nostro cv sarà qualcuno con moltissima esperienza nel campo del recruitment. Tale selezionatore saprà se la nostra lettera è un modello unico e anonimo che utilizziamo per tutte le candidature, senza alcuna differenza, oppure se è un pezzo originale, pensato e studiato appositamente per essere dedicato a quella specifica azienda.

Come possiamo rendere la nostra presentazione più personale possibile?

  1. Innanzitutto bisogna indirizzare la nostra lettera a una persona specifica, e si dovrebbe evitare di generalizzare con un vago “Egregio direttore del personale”.
  2. Cerchiamo di mantenere una coerenza e logicità con l’annuncio di lavoro. È saggio evidenziare di possedere le qualità che si richiedono, facendo riferimento al fatto che abbiamo esperienza in merito. Queste, ovviamente, devono essere riportate più dettagliatamente nel nostro cv.
  3. Dimostriamo di conoscere l’azienda menzionando alcuni particolari interessanti che la caratterizzano. Tutte le ditte investono tempo e denaro nella realizzazione di un buon sito internet, dunque faremo di certo una bella figura se facciamo notare di averlo navigato.

Far trasparire la propria personalità

Potrebbe sembrare un’impresa dover scrivere una lettera breve, concisa e che delinei i punti forti della nostra persona, ma è essenziale far trasparire subito chi siamo e cosa siamo in grado di fare. Come possiamo riuscire a brillare in poche righe? Cerchiamo di mostrare il massimo dell’entusiasmo per il lavoro al quale stiamo aspirando e spieghiamo perché crediamo di essere i candidati migliori per tale posizione.

Dobbiamo essere sinceri e ammettere cosa siamo in grado di offrire alla compagnia, ma bisogna anche menzionare le aree che necessitano di essere migliorate. In tal caso appariremo come persone umili e consapevoli delle nostre capacità.

Focalizzarsi sul bene dell’azienda

Anche se desideriamo valorizzare al massimo la nostra candidatura facendo luce sulle nostre esperienze professionali e i nostri titoli accademici, non dobbiamo dimenticare che l’indiscussa protagonista di tutto il processo è la ditta per la quale vogliamo andare a lavorare.

Di conseguenza, dovremmo cercare di parlare meno della nostra carriera e spendere qualche parola in più su come la nostra presenza nel team aziendale potrebbe avere un impatto positivo sul business. Il bene della compagnia deve essere messo sempre al primo posto.

Curare lo stile e la grammatica

La stessa attenzione che viene riservata per stilare il curriculum deve essere dedicata alla scrittura della lettera di accompagnamento. Generalmente, sul piano estetico si devono considerare i seguenti tre punti:

  • Lunghezza. Ciò che vogliamo evitare di fare è di annoiare o scoraggiare il lettore con un papiro lungo due o più pagine. La sintesi in questo caso è una qualità che verrà sicuramente apprezzata. Dunque, cerchiamo di fare arrivare il nostro messaggio in poche righe, dense di significato.
  • Errori di ortografia. Anche se non ci stiamo candidando per un posto da professore universitario, una grammatica corretta e pulita è assolutamente un must. Tenendo presente che la lettera di presentazione cosi come il cv sono i nostri biglietti da visita, dobbiamo sempre accertarci che quello che abbiamo scritto sia privo di errori e che abbia un tono curato, adatto all’occasione.
  • Stile appropriato. Siccome ci stiamo presentando come potenziali employee, dobbiamo mostrarci entusiasti e pieni di brio, ovviamente nella giusta misura. Quello che vogliamo far trasparire è la nostra vivacità intellettuale e il nostro vivo interesse. Bisogna poi evitare di sembrare troppo simpatici e sapienti e di esagerare con i complimenti.

Come scrivere una lettera di presentazione

modello lettera invio curriculum

È vero che il messaggio che accompagna il nostro curriculum è un ulteriore lavoro che siamo costretti a fare per dare alla nostra candidatura la giusta chance di sopravvivenza, ma è anche vero che, fortunatamente, essa ha una struttura molto semplice, lineare e ben precisa. Essendo un documento formale, questa deve sempre includere:

  • I dati del mittente (nome, cognome, contatto telefonico e indirizzo mail)
  • Dati del destinatario (se disponibili, il nome e il cognome della persona alla quale inviamo la nostra candidatura)
  • Il luogo e la data (come tutte le letteri che si rispettano, questa deve essere aggiornata con la data di invio)
  • Firma (non dimentichiamo di autenticare la lettera con la nostra firma)
  • Il consenso al trattamento dei dati (bisogna far riferimento al d.Igs. 196/2003 per consentire al trattamento dei nostri dati personali)

Struttura e contenuti

Esempio di lettera di presentazione a CV

Procedendo alla parte scritta, il testo può essere suddiviso in tre paragrafi principali:

  • Introduzione. In questa fase iniziale della lettera dobbiamo presentarci, dunque dobbiamo dire chi siamo e perché stiamo scrivendo. Prendendo in considerazione la posizione per la quale ci stiamo candidando possiamo far riferimento alle esperienze lavorative rilevanti alla data occupazione, e alle nostre skills.
  • Corpo. Questa è la parte più importante e deve far trasparire tutto il nostro entusiasmo. Qui dobbiamo chiarire quali sono le motivazioni che ci hanno spinto a fare domanda di lavoro per quello specifico impiego. Inoltre, possiamo parlare degli stimoli che ci hanno indirizzato verso quella azienda piuttosto che verso un’altra. Deve seguire, poi, una nota del perché pensiamo di essere i candidati ideali e continuare nello spiegare che tipo di valore aggiuntivo possiamo apportare alla ditta. Concludiamo questo punto evidenziando brevemente quali sono le nostre qualità e i punti di forza che ci rendono ideali per ricoprire quel ruolo.
  • Conclusione. Terminiamo ringraziando per l’attenzione prestata e indichiamo la nostra totale disponibilità nel caso di un eventuale colloquio.

Più che una lettera di accompagnamento, questa è una strategia per catturare l’interesse del recruiter. È per tale motivo che bisogna scegliere con attenzione la frase di apertura e quella di chiusura. In entrambi i casi, vogliamo apparire originali, non banali o noiosi da leggere.

Cerchiamo di usare parole intelligenti, che lasciano un’impressione favorevole, se non addirittura memorabile. Per calcare ulteriormente il nostro totale coinvolgimento parliamo in prima persona, usare la terza persona ci distaccherebbe emotivamente e ci farebbe apparire troppo formali.

Esempi di lettere motivazionali

Modelli lettere di presentazione in italiano

Ricordiamo che, esattamente come accade per il resume, la lettera di accompagnamento deve essere una logica risposta all’annuncio al quale siamo interessati. Di conseguenza, è severamente vietato inviare un modello standard a tutte le aziende.

Ciò non vuol dire che bisogna scriverne una ogni volta che si fa una domanda di lavoro, ma è importante modificare quel 20% o 25% delle informazioni che fanno la differenza tra un impiego e un altro. Di seguito riportiamo alcuni esempi di lettere di presentazione.

Tutti i modelli che abbiamo messo a vostra disposizione sono in formato Word, facilmente modificabili per essere utilizzati secondo le vostre esigenze.

Modelli Lettere Europass

Per quanto riguarda la lettera da accompagnare al curriculum europass, questa può essere compilata direttamente sull’apposito sito, cliccando sulla scheda lettera di presentazione Europass.

Continuate a navigare il nostro sito

Per saperne di più su come scrivere una cover letter in Inglese e per poter accedere gratuitamente ai vari modelli che abbiamo messo a disposizione, clicca qui.

Una variante alla lettera di presentazione è la mail di candidatura, la quale presenta delle sostanziali differenze con la prima tipologia di testo.

Continuando nella lettura dei nostri articoli potrete trovare anche come creare la lettera di referenza e quella di raccomandazione, altri due importanti documenti da includere nella nostra candidatura insieme al curriculum vitae.

Se siete in possesso di tutta la documentazione richiesta, e volete subito saltare al nocciolo della questione, allora sarete lieti di trovare tutte le informazioni necessarie da sapere cliccando sulla nostra pagina come trovare lavoro.

5 (100%) 1 vote